martedì, Ottobre 3, 2023
0 Carrello
Edilizia

Il Futuro del Superbonus Condomini: cosa bolla in pentola

Superbonus condomini proroga. Allo studio del Governo l'estensione del Superbonus al 110% oltre il 2023, solo per chi ha già completato almeno il 60% delle opere di ristrutturazione

Superbonus condomini proroga. Allo studio del Governo l'estensione del Superbonus al 110% oltre il 2023, solo per chi ha già completato almeno il 60% delle opere di ristrutturazione
480Visite

Proroga superbonus condomini. Mentre l’orologio segna il conto alla rovescia per le scadenze del Superbonus, non tutti hanno ultimato i lavori necessari. Ecco cosa lo Stato sta pianificando per rinnovare il quadro normativo e prorogare i termini.

Superbonus condomini proroga. Allo studio del Governo l’estensione del Superbonus al 110% oltre il 2023, solo per chi ha già completato almeno il 60% delle opere di ristrutturazione

Il Superbonus ha segnato un punto di svolta nelle agevolazioni fiscali legate all’edilizia, dando una spinta decisiva a progetti di ristrutturazione energetica e antisismica. Tuttavia, visto il suo impatto e le opportunità che offre, emergono la necessità di un aggiornamento delle linee guida e un’estensione delle scadenze per massimizzare l’utilizzo dei fondi e implementare in maniera efficace le misure previste.

Esaminiamo le potenziali modifiche legislative per il Superbonus, come il governo sta gestendo i problemi relativi ai crediti inutilizzati e le strategie in discussione per assicurare la continuità del programma.

  1. Proroga superbonus per i lavori nei condomini
  2. Superbonus per Condomini: Valutata un’Estensione fino al 2024.
  3. Superbonus unifamiliari
  4. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Fondi Inutilizzati del Superbonus: Opzione di Conversione Monetaria per le Famiglie a Basso Reddito

I dati recenti indicano che 30 miliardi di euro di crediti del Superbonus sono rimasti inutilizzati, coinvolgendo circa 320.000 famiglie e 33.000 aziende, secondo le statistiche dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance). Di fronte a queste cifre, le autorità sono impegnate nell’identificazione di strategie per attenuare l’effetto negativo e trovare un rimedio.

Proroga superbonus per i lavori nei condomini

Il Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, sta valutando una serie di interventi per attenuare questa situazione. Una delle opzioni include una proroga specifica per i lavori nei condomini, considerando che lavori per un valore di 20 miliardi sono ancora in sospeso. In aggiunta, lo Stato sta esplorando modalità per riacquistare una porzione di questi crediti orfani, che attualmente fluttuano in un mercato non regolamentato con tassi d’interesse esorbitanti.

Una delle soluzioni in vista è la possibilità di convertire questi crediti in titoli di Stato, un’opzione che potrebbe beneficiare principalmente le famiglie a basso reddito. Va notato che la situazione potrebbe complicarsi ulteriormente, poiché una fetta di crediti relativi al 2022 deve ancora essere resa pubblica e i termini per eventuali cessioni o sconti stanno per scadere a novembre.

Superbonus per Condomini: Valutata un’Estensione fino al 2024.

Il volume considerevole di crediti fiscali inutilizzati, pari a 30 miliardi di euro, ha spinto l’Amministrazione a esaminare seriamente l’opportunità di estendere il periodo di validità del Superbonus oltre il 2023, per permettere a chi è in ritardo di beneficiare delle agevolazioni.

Tra le proposte discusse al Ministero dell’Economia e delle Finanze, una prevede l’estensione del Superbonus al 110% oltre il 2023 solo per chi ha già completato almeno il 60% delle opere di ristrutturazione, o mostrato un progresso significativo. Per il momento, si sta pensando a un’estensione trimestrale.

Superbonus unifamiliari

Per le case unifamiliari, non sono previsti ulteriori rinvii oltre la data del 31 dicembre, già stabilita. Nel frattempo, in attesa della definizione del nuovo Patto di Stabilità, il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta operando con l’intento di rispettare tutti i criteri imposti dall’Unione Europea.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi