giovedì, agosto 22, 2019
0 Carrello
Antisismico

A Ischia si presenta lo studio sulla microzonazione sismica di III livello

A due anni dal terremoto di Casamicciola Terme a Ischia, che provocò 2 vittime, 42 feriti e il crollo di numerose case, sull’isola verranno illustrati i risultati dello studio relativo alle conseguenze provocate dal sisma.

Studio sulla microzonazione sismica di III livello
102Visite

A cura del Commissariato Straordinario per la ricostruzione, il 6 agosto verranno resi pubblici gli esiti dello studio effettuato sui territori dell’isola di Ischia interessati dal sisma del 21 agosto 2017. L’appuntamento è fissato presso l’Auditorium “Leonardo Carriero” di Lacco Ameno

A due anni dal terremoto di Casamicciola Terme a Ischia, che provocò 2 vittime, 42 feriti e il crollo di numerose case, sull’isola verranno illustrati i risultati dello studio relativo alle conseguenze provocate dal sisma.

La ricerca è stata effettuata grazie alla collaborazione con l’Istituto Geologia Ambientale Geoingegneria del Consiglio Nazionale delle ricerche (CNR – IGAG), il Centro per la microzonazione sismica e le sue applicazioni (CNR – MS) e i Comuni di Casamicciola Terme, Lacco Ameno e Forio. I dati verranno resi pubblici alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Senatore Vito Crimi e dei Sindaci dei Comuni coinvolti dall’evento.

Il progetto, avviato nel febbraio scorso, ha comportato l’esecuzione di prove superficiali, oltre ad alcune perforazioni per misure in profondità distribuite nei tre Comuni interessati, a cura di professionisti specialisti appositamente incaricati dagli stessi Comuni. Studi di questo genere sono necessari per individuare e caratterizzare le zone stabili, le zone stabili suscettibili di amplificazione locale e le zone soggette a instabilità, quali frane, rotture della superficie per faglie e liquefazioni dinamiche del terreno. Gli effetti di un sisma, infatti, sono sì legati al tipo di costruzioni ma spesso le cause vanno ricercate anche in una differente pericolosità determinata anche dal diverso modo in cui si propaga il terremoto o dall’instabilità del suolo. L’obiettivo di tali approfondimenti è, quindi, quello di conoscere quali sono le alterazioni che lo scuotimento sismico può subire in superficie, fornendo informazioni utili per il governo del territorio, per la progettazione, per la pianificazione e per la ricostruzione post sisma.

Il lavoro è stato svolto in osservanza all’ordinanza commissariale emanata il 27 novembre 2018. Nel documento in oggetto era indicato che il Commissario alla Ricostruzione nei territori dell’Isola di Ischia dovesse occuparsi – d’intesa con il Dipartimento della Protezione Civile – alla redazione di un piano finalizzato a dotare i Comuni colpiti dal terremoto degli studi di microzonazione sismica di III livello (ossia il più alto previsto). Una prassi definita anche negli «Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica» approvati il 13 novembre 2008 dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

La presentazione dei risultati dello studio si svolgerà nel Comune di Lacco Ameno presso l’Auditorium “Leonardo Carriero” alle ore 10.30. Chi fosse interessato a partecipare all’evento potrà accreditarsi inviando una mail all’indirizzo segreteria@commissarioricostruzioneischia.it

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi