lunedì, Ottobre 26, 2020
0 Carrello
Edilizia

Sanzioni Superbonus: la faccia oscura del Superbonus

Sanzioni Superbonus: la faccia oscura del Superbonus
609Visite

Sanzioni Superbonus. L’Agenzia delle Entrate sta studiando una serie di provvedimenti per scoraggiare i furbetti della ristrutturazione facile. Controlli serrati e sanzioni per punire le eventuali violazioni commesse sfruttando l’agevolazione fiscale del Superbonus 110%.

Quella che sta nascendo è una vera e propria struttura di controllo (e repressione) che nelle intenzioni dell’Agenzia dovrà svolgere controlli sullo svolgimento delle pratiche burocratiche legate al Superbonus 110% e alle cartelle dei contribuenti e trasmettere le eventuali contestazioni alle procure competenti. I controlli, le contestazioni e le verifiche andranno avanti per otto anni.

Quali sono le pratiche che, più di altre, andranno sotto la lente della struttura di vigilanza?

La struttura che stan nascendo in questi giorni indagherà e verificherà la corrispondenza alle norme, sopratutto delle carte relative a cessioni e sconti in fattura. Attenzione però, perché a differenza di quanto si vociferava fino a qualche settimana fa, le sanzioni potrebbero anche essere pesanti.

Quale imputazioni sarà contestata a coloro che dovessero frodare le norme? Sanzioni superbonus 110%,

Fornitori che hanno applicato lo sconto in maniera errata o fraudolenta, cessionari che hanno acquistato il credito d’imposta senza rispettare i dettami della norma, incorreranno nel reato di indebita compensazione di crediti non spettanti o inesistenti.

Una volta contestato il reato, il Fisco procederà al recupero dell’importo precedentemente erogato a favore del soggetto a cui viene contestato l’illecito. “Coloro che avranno ottenuto illegittimamente gli incentivi previsti dal Superbonus 110% – si legge nelle dichiarazioni dell’Agenzia – saranno chiamati a restituire l’intera somma, maggiorata di interessi e sanzioni”.

A quanto ammontano le possibili sanzioni superbonus 110%?

Le sanzioni per coloro che saranno “pizzicati” vanno dal 100% al 200% dei crediti inesistenti utilizzati.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi