domenica, Febbraio 25, 2024
0 Carrello
Attualità

PNRR, Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, importanza per il mondo dell’ingegneria.

Risvolti socio economici del PNRR, piano nazionale ripresa e resilienza, per il settore dell’ingegneria.

PNRR, Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, importanza per il mondo dell’ingegneria.
841Visite

Il PNRR, acronimo di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è un piano economico e finanziario che mira a supportare la ripresa economica dell’Italia in seguito alla crisi causata dalla pandemia di COVID-19. Il PNRR è stato sviluppato dal Governo italiano in collaborazione con l’Unione Europea e prevede investimenti di circa 230 miliardi di euro in diverse aree strategiche, tra cui l’innovazione tecnologica, la digitalizzazione, la sostenibilità ambientale e la formazione.

  1. Quali sono le fonti normative che regolano il PNRR
  2. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Risvolti socio economici del PNRR, piano nazionale ripresa e resilienza, per il settore dell’ingegneria.

Per il settore dell’ingegneria, il PNRR rappresenta un’opportunità unica per finanziare progetti di ricerca e sviluppo tecnologico, nonché per investire nella formazione di nuove figure professionali altamente qualificate. In particolare, il PNRR prevede investimenti significativi nella transizione verso un’economia più sostenibile, attraverso la promozione delle energie rinnovabili, la riduzione delle emissioni di gas serra e l’adozione di tecnologie green. Questo implica la necessità di sviluppare nuove soluzioni tecnologiche, infrastrutture e servizi, che richiedono competenze e conoscenze tecniche avanzate.

Il PNRR prevede anche investimenti nell’innovazione digitale, con l’obiettivo di migliorare la produttività e la competitività dell’economia italiana. Ciò richiederà lo sviluppo di nuove tecnologie digitali, come l’Internet delle cose, l’intelligenza artificiale e la blockchain, nonché la formazione di nuove figure professionali specializzate nell’ambito della digitalizzazione.

Il Piano Nazionale Ripresa e Resilienza rappresenta quindi un’importante opportunità per il settore dell’ingegneria, in quanto fornirà finanziamenti e sostegno per lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche innovative, promuovendo così la crescita economica e la creazione di nuovi posti di lavoro.

Quali sono le fonti normative che regolano il PNRR

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è stato elaborato dal governo italiano in accordo con le linee guida stabilite a livello europeo. In particolare, il PNRR è stato elaborato sulla base delle regole e dei requisiti previsti dal Regolamento (UE) n. 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021 che stabilisce il quadro per la ripresa e la resilienza dell’Unione europea.

Il PNRR è stato poi approvato dal Consiglio dei ministri il 6 aprile 2021 e trasmesso alla Commissione europea per la valutazione. Il 28 maggio 2021 il PNRR è stato ufficialmente adottato dalla Commissione europea e il 3 giugno 2021 è stato presentato al Parlamento italiano per l’approvazione.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è quindi regolato da una serie di atti normativi, tra cui:

  • Decreto legge 16 luglio 2020, n. 76, recante disposizioni urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale, nonché per la competitività e la sicurezza delle imprese e del lavoro, convertito con modificazioni dalla legge 11 settembre 2020, n. 120.
  • Decreto legge 14 gennaio 2021, n. 2, recante misure urgenti per la soluzione di specifiche situazioni di difficoltà in relazione all’emergenza epidemiologica da COVID-19, convertito con modificazioni dalla legge 12 marzo 2021, n. 28.
  • Legge 30 aprile 2021, n. 69, recante disposizioni per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, nonché misure urgenti in materia di salute, lavoro e servizi territoriali per la ripresa dal COVID-19.
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 marzo 2021, recante “Indicazioni tecniche sulle modalità di attuazione degli interventi e delle misure previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza per il triennio 2021-2023”.

Questi atti normativi definiscono le modalità di attuazione del PNRR e stabiliscono le regole e le procedure per accedere ai finanziamenti previsti dal Piano.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi