venerdì, Agosto 19, 2022
0 Carrello
Professionisti

Ingegneria clinica: chi sono e cosa fanno gli ingegneri clinici?

Di che cosa si occupano i laureati in ingegneria clinica? Similitudini e differenza tra ingegneri clinici e ingegneri biomedici.

Ingegneria clinica: chi sono e cosa fanno gli ingegneri clinici?
309Visite

Ingegneria clinica: chi sono e cosa fanno gli ingegneri clinici? Un professionista in grado di partecipare e dire la sua in tema di salute e sanità garantendo un utilizzo sicuro ed economico delle diverse tecnologie da utilizzare nei servizi sanitari locali e nazionali.

In questo articolo:

  1. Ingegneria clinica e ingegneria biomedica.
  2. Percorsi formativi per ingegneri clinici.
  3. Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Di che cosa si occupano i laureati in ingegneria clinica? Similitudini e differenza tra ingegneri clinici e ingegneri biomedici.

Gli ingegneri clinici sono degli ingegneri specializzati nell’utilizzo e nella gestione di macchinari sanitari ospedalieri. L’obiettivo del lavoro di un ingegneri clinico è quello di bilanciare la necessità di ottimizzazione della spesa sanitaria e la qualità del servizio al paziente finale applicando studi ingegneristici che spaziano tra l’ingegneria tradizionale e l’economia gestionale.

Ingegneria clinica e ingegneria biomedica.

Se dovessimo definire correttamente che cosa sia l’ingegneria clinica, il modo migliore sarebbe quello di farla rientrare all’interno del concetto d’ingegneria biomedica. In quest’ottica l’ingegneria clinica è una sotto categoria di quella biomedica.

Andando nel dettaglio, gli ingegneri biomedici operano solitamente all’interno delle Università, in laboratori o in aziende produttrici di tecnologie biomedicali.

La sue mansioni spaziano dallo studio e dall’analisi di nuovi materiali biomedici fino alla creazione e progettazione di macchinari, protesi e tecnologie da applicare nella pratica medica quotidiana.

Gli ingegneri clinici invece trova occupazione, principalmente, all’interno di strutture ospedaliere. Come professionista ospedaliero, un ingegnere clinico ha il compito di controllare e verificare la correttezza e il funzionamento dei macchinari progettati dagli ingegneri biomedici.

Percorsi formativi per ingegneri clinici.

Scegliere una strada professionale come ingegnere clinico significa per prima cosa iscriversi e completare il percorso di studi in ingegneria biomedica.

Terminato il percorso triennale sarà possibile iscriversi e specializzarsi in ingegneria clinica. In Italia comunque esistono alcuni percorsi triennali in ingegneria clinica come, ad esempio, quello organizzato dall’Università La Sapienza.

Sei un ingegnere? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare da solo il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNI.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi