mercoledì, luglio 24, 2019
0 Carrello
Attualità

Il BIM per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici: al via il sondaggio

Al via il sondaggio rivolto agli operatori del settore edile sull’utilizzo del Building Information Modelling (BIM) per migliorare la performance energetica degli edifici durante l’intero ciclo di vita

Building Information Modelling
364Visite

La rilevazione è stata promossa nell’ambito del progetto europeo Net-UBIEP (Network for Using BIM to Increase the Energy Performance), finanziato dal programma Horizon 2020 e coordinato dall’ENEA. Al via il sondaggio rivolto agli operatori del settore edile sull’utilizzo del Building Information Modelling (BIM) per migliorare la performance energetica degli edifici durante l’intero ciclo di vita.

Il BIM è il modello digitale delle caratteristiche fisiche e funzionali di un edificio durante l’intero ciclo di vita e consente a professionisti e tecnici di dialogare e condividere i diversi processi relativi a costruzione, gestione, manutenzione e demolizione degli immobili riducendone i costi e l’impatto ambientale.

La rilevazione è stata promossa nell’ambito del progetto europeo Net-UBIEP (Network for Using BIM to Increase the Energy Performance), finanziato dal programma Horizon 2020 e coordinato dall’ENEA, al quale partecipano 13 partner di 7 Paesi europei (Italia, Slovacchia, Spagna, Lituania, Olanda, Estonia, Croazia). Al centro del progetto la promozione delle competenze professionali relative all’utilizzo del BIM in tutta la filiera edile.

I target principali del sondaggio sono quattro: pubbliche amministrazioni, professionisti e progettisti (ingegneri/architetti), tecnici (installatori/manutentori), proprietari e/o affittuari degli immobili. Gli interessati potranno rispondere a specifici questionari grazie ai quali avranno l’opportunità anche di partecipare a corsi pilota.

Per maggiori informazioni: http://www.net-ubiep.eu/it/home-it/


X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi