domenica, Maggio 16, 2021
0 Carrello
Professionisti

Come diventare ingegnere Edile: percorsi di studi, retribuzioni e possibilità di carriera nel 2021

Scopri quali sono i percorsi accademici per diventare ingegnere edile e quali invece le motivazioni che, ancora oggi, spingono un giovane a diventare un professionista.

Come diventare ingegnere Edile: percorsi accademici, retribuzioni, carriera.
289Visite

Impegno, passione e innate capacita di calcolo matematico, sono queste le caratteristiche principali che bisogna possedere per diventare un bravo ingegnere edile. Ma non solo. Per diventare ingegnere edile è necessario sviluppare diverse competenze tecniche specifiche che possono essere acquisite solo con la frequenza di un percorso accademico.

Ingegneria edile. Tante opportunità di lavoro fanno crescere anche i corsi di studio.

L’ingegneria edile si caratterizza per uno spiccata taglio pratico, un modo di vedere la professione che ben si adatta alle esigenze specifiche, spesso complesse, che vengono richieste nello svolgimento nelle mansioni tipiche di un ingegnere edile.

La praticità intrinseca nella professione, e quindi l’alta specializzazione pratica degli ingegneri edili, comporta che questi professionisti siano oggigiorno sempre più ricercati e con ottime possibilità di inserimento lavorativo. A sua volta, la crescente richiesta di ingegneri edili ha portato alla nascita di diversi percorsi di studio universitari iper specializzati.

Come diventare ingegnere edile: dove nascono gli specialisti delle costruzioni.

L’obiettivo dichiarato di tutti i corsi di laurea in ingegneria edile è quello di formare professionisti esperti nel settore delle costruzioni in generale, dell’edilizia e del recupero urbanistico. Un’alta percentuale di studenti dei corsi di laurea in ingegneria edile è costituita da futuri professionisti interessati a lavorare all’interno di un settore che sembra non conoscere grosse crisi, un settore che continua a garantire retribuzione più che interessanti.

Diventare ingegnere edile. Dopo la laurea occorre l’abilitazione professionale.

L’abilitazione di ingegnere è solo la conclusione di un percorso accademico strutturato con l’ormai famoso tre più due (laurea triennale e laurea magistrale specialistica) oppure, dove previsto, con un una laurea magistrale quinquennale a ciclo unico.

Quanto guadagna un ingegnere edile?

Tutto bello, ma alla fine conviene davvero diventare un ingegnere edile in Italia? Quanti soldi si portano a casa abbracciando questa carriera?

La risposta ci viene offerta da siti specializzati nel monitoraggio delle retribuzioni professionali. Secondo diversi studi un ingegnere edile, in Italia arriva a guadagnare una media di 35.000 euro lordi all’anno. Un monte stipendi superiore di circa 300 euro rispetto alla media mensile delle altre retribuzioni professionali.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi