martedì, Dicembre 7, 2021
0 Carrello
Attualità

Operazione Revamping con Fronius

Quanto “dura” un impianto fotovoltaico? Come affrontare il calo fisiologico delle sue prestazioni?

Operazione Revamping con Fronius
223Visite

La crescita del fotovoltaico in Italia non coinvolge solo le nuove installazioni, ma anche la manutenzione di quelle meno recenti. Gli inverter Fronius sono indicati anche per la riqualificazione degli impianti (soprattutto se godono di incentivazioni) perché sono soluzioni efficienti, flessibili e affidabili.

Quanto “dura” un impianto fotovoltaico? Come affrontare il calo fisiologico delle sue prestazioni?

A circa vent’anni dal boom dell’energia solare in Italia, è importante interrogarsi sull’efficientamento e sulla manutenzione dei vecchi impianti.

Il parco fotovoltaico realizzato nel periodo dei super incentivi sta infatti perdendo gradualmente potenza. Un decadimento variabile, dallo 0,4% allo 0,6% di efficienza in meno ogni anno, che si può frenare con monitoraggio e interventi mirati. Riportare un impianto alla sua operatività ottimale attraverso azioni di revamping o repowering significa tornare a sfruttarne tutti i vantaggi economici e ambientali. Un’opportunità significativa anche per i professionisti del settore fotovoltaico, che possono affidarsi alla qualità delle soluzioni Fronius per interventi di efficientamento sui siti esistenti.

 Che cos’è il revamping

Il revamping fotovoltaico si può paragonare ad una ristrutturazione dell’impianto, che permette di riportarne le prestazioni e l’efficienza complessiva ad un buon livello, prossimo a quello originale. Si tratta per esempio di sostituire i componenti obsoleti, in particolare inverter e moduli.
Il revamping diventa necessario anche nel caso in cui l’impianto non sia più conforme alle norme di riferimento, quando è necessario trasferirlo o quando scadono le garanzie delle tecnologie installate.

Il ruolo dell’inverter

Il rendimento degli impianti FV coinvolge diversi aspetti tecnico-economici: se la performance di un componente non è al 100%, ne risentirà tutto l’investimento. L’inverter – cuore dell’impianto e artefice della conversione dell’energia – rappresenta un elemento chiave, da monitorare con costanza e attenzione perché è responsabile del livello di produzione dei moduli e rappresenta uno strumento utile per valutarne le performance e prevenire il rischio di cortocircuito.

 I vantaggi del revamping con Fronius

Anche in questa occasione, la scelta del partner tecnologico può fare la differenza. La selezione dei prodotti è fondamentale, ma lo sono anche l’affidabilità e la durevolezza dei dispositivi, nonché la facilità di intervento tecnico in caso di anomalia. Ecco perché le soluzioni Fronius sono particolarmente indicate per il mercato del revamping, sia in ambito residenziale sia per applicazioni commerciali:

  • L’affidabile gamma SnapINverter offre un’ampia varietà di taglie, per soddisfare ogni esigenza d’installazione con la massima flessibilità di configurazione e tutta la facilità di gestione del design Fronius;
  • Grazie al suo concept innovativo, Fronius Tauro è l’inverter all-in-one per grandi impianti che può essere personalizzato per adattarsi a diverse tipologie di installazioni;
  • Con Fronius GEN24 Plus i vecchi impianti entrano a far parte delle moderne smart grid, perché sono dotati di numerose funzioni per la gestioni intelligente ed efficiente dell’energia. 
X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi