• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Antisismico

Pericolosità sismica, online la mappa del territorio umbro

Disponibile online la cartografia della regione Umbria che individua le aree dove i terremoti possono avere localmente un maggior impatto

 


Pericolosità sismica, online la mappa del territorio umbro

30/09/2013. Sul portale cartografico “UmbriaGeo”, spazio “Produzioni” - “Carte tematiche”, è disponibile la carta di pericolosità sismica locale vettoriale, diffusa dal Servizio Geologico e Sismico della Regione Umbria.

 

 “Le carte di pericolosità sismica locale – spiega l’assessore regionale alla mitigazione del rischio sismico, Stefano Vinti - indicano le diverse aree con tipologie che producono localmente un’amplificazione delle forze sismiche generate dai terremoti. E un dato che emerge, per esempio, è che quasi il 50 per cento di tutto il territorio regionale è contraddistinto da situazioni morfostratigrafiche che possono causare localmente un’amplificazione delle forze sismiche generate dai terremoti”.

 

L’avvio della cartografia di pericolosità sismica locale alla scala 1:10.000 risale al 1997 con il rilevamento della zona epicentrale del terremoto dello stesso anno. Complessivamente sono stati realizzati 7 progetti, l’ultimo dei quali è stato completato nel 2013.

 

Come spiega la Regione Umbria in una nota, la banca dati di pericolosità sismica locale è un sistema geografico computerizzato (GIS) costituito da diversi livelli informativi visualizzati sotto forma di punti, linee e poligoni che offrono la possibilità di essere selezionati per essere visibili separatamente o in sovrapposizione agli altri, personalizzando la cartografia risultante. Il collegamento degli elementi grafici vettoriali georiferiti, con la relativa banca dati, permette, tramite alcune funzioni di selezione e interrogazione, di risalire a tutte le informazioni disponibili relative all’elemento scelto.

 

Sono state distinte 13 diverse situazioni in cui localmente si possono verificare condizioni di maggior impatto dei terremoti. Il territorio della Regione Umbria, di superficie pari a 8.475 chilometri quadrati, è stato possibile suddividerlo in 69.675 aree omogenee a diversa pericolosità sismica locale.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!