• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Prevenzione Incendi

Nuove norme per l’edificabilità degli ASILI NIDO

pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 Luglio 2014 il decreto del ministero degli interni 16/07/2014

 


Nuove norme per l’edificabilità degli ASILI NIDO

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 Luglio 2014 il decreto  del ministero degli interni 16/07/2014 avente ad oggetto le nuove regole tecniche per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli asili nido. Il provvedimento entrerà in vigore il  28 Agosto 2014.

Il decreto è finalizzato a regolamentare  un attività, quella relativa agli asili nido,  in precedenza non contemplata tra quelle sottoposte ai controlli di prevenzione incendi dalla normativa previgente prevista dal  D.M. 16/02/1982.

La norma si applicherà agli asili nido con oltre 30 persone presenti ma allo stesso tempo prevede interventi anche sulle strutture con meno di 30 persone presenti al loro interno che dovranno comunque continuare a rispettare , in attesa dell'emanazione del decreto attuativo dell'art. 46, comma 3, del Testo Unico della sicurezza di cui al D. Leg.vo 81/2008, i criteri generali di sicurezza di cui al D.M. 10/03/1998.

 

Il provvedimento in esame definisce tra le altre cose come asilo nido qualunque struttura educativa esistente  e di futura costruzione destinata ai bambini di età inferiore ai tre anni ma superiore ai tre mesi di vita.

Le attività registrate come asili nido già esistenti al momento dell’emanazione della norma saranno  tenute a rispettare le disposizioni per le nuove attività, qualora le stesse siano oggetto di “interventi di ristrutturazione, anche parziale o di ampliamento, successivi alla data di pubblicazione del presente decreto.

L’obbligo di adeguamento dei manufatti  non sussisterà invece  in caso di possesso di atti abilitativi riguardanti anche la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio, rilasciati dalle competenti autorità ai sensi dell’art. 38, comma 1, del D.L. 69/2013 (decreto “del fare”, convertito in legge dalla L. 98/2013) o nel caso di pianificazione, ovvero lavori di ristrutturazione o ampliamento anche in corso, sulla base di un progetto approvato dal competente Comando provinciale dei Vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. 151/2011.

 






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!