• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Sicurezza sul Lavoro

Formazione coordinatore della sicurezza, le risposte del Cni

Dopo le numerose sollecitazioni, il Consiglio nazionale degli ingegneri fornisce alcune indicazioni riguardanti la formazione e l’aggiornamento

 


Formazione coordinatore della sicurezza, le risposte del Cni

31/05/2013. Con la circolare del 10 maggio 2013, il Consiglio Nazionale degli Ingeneri si è espresso in merito al corso di aggiornamento a distanza, in modalità FAD o e-learning, per la formazione del coordinatore della sicurezza in cantiere.

 

Attraverso la circolare, il Cni ha risposto ad alcuni quesiti sollevati dagli Ordini territoriali sulle problematiche che la normativa in materia di salute e sicurezza dei lavoratori (D.lgs. 81/2008) determina nella prassi abilitativa.



Per quanto riguarda i soggetti abilitati all’erogazione dei corsi di formazione per il coordinatore della sicurezza e quelli abilitati a svolgere l’aggiornamento, il Cni richiama l'art. 98, comma 2 del d.lgs. 81/2008.



Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri precisa inoltre che l’aggiornamento non prevede modalità di svolgimento online a distanza (FAD, e-learning, etc.), nonostante la “formazione a distanza sia destinata a diventare la modalità ordinaria per i corsi di aggiornamento a prescindere dal settore di riferimento”. Al momento, sottolinea il Cni, il Legislatore non ha previsto in disposizioni specifiche tale tipologia di formazione.


Il Cni rassicura comunque i professionisti che hanno partecipato a corsi di aggiornamento per il coordinatore della sicurezza usufruendo di piattaforme online, avvisando che si farà carico della loro tutela.

 

Nell’attesa, l’organo di rappresentanza degli ingegneri consiglia ai coordinatori della sicurezza che desiderano svolgere corsi di aggiornamento online di “accertarsi scrupolosamente sui contenuti e sulle garanzie fornite dall'ente organizzatore, mettendo a confronto le garanzie e gli standard adottati dall’ente prescelto con i requisiti minimi per i corsi di aggiornamento previsti dall’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011”.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!