• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Prevenzione Incendi

Antincendio, nuove tecnologie per la sicurezza nelle gallerie

I-Tunnel: un sistema evoluto altamente affidabile, progettato dal GSA con i metodi della Fire Safety Engeineering

 


Antincendio, nuove tecnologie per la sicurezza nelle gallerie

24/10/2013. Nel corso del seminario “La sicurezza antincendio nelle gallerie della rete stradale e autostradale italiana e le nuove tecnologie”, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Roma, è stato presentato I-Tunnel, uno strumento realizzato per analizzare la situazione della sicurezza antincendio nei tunnel e nelle gallerie della rete infrastrutturale viaria italiana.

 

L’Italia, per morfologia del suo territorio, è il paese europeo con il maggior numero di gallerie. Il problema principale di queste strutture è la loro messa in sicurezza. Si registrano circa 500 incidenti l’anno (secondo fonti Istat), con più del doppio dei feriti anche in gravi condizioni.

 

Carla Cappiello, Presidente degli Ingegneri di Roma, ha sottolineato l’importanza di giornate dedicate alla sicurezza antincendio nelle gallerie poiché “solo la cooperazione può portare alla risoluzione di queste problematiche sempre attuali e dai risvolti, purtroppo, tragici”.

 

Co-finanziato dall’Unione europea (FERS) e da capitali privati, I-Tunnel permette lo spegnimento di incendi in ambienti confinati come gallerie stradali, autostradali, ferroviarie e metropolitane. E’ una sorta di robot pompiere, gestibile anche da remoto, che reagisce in tempo reale a principi di incendio che si verificano in galleria. Un carrello con un doppio binario consente al robot di scorrere avanti e indietro lungo la volta delle gallerie in cui è installato, raggiungendo la velocità massima di 50 km/h e arrivando tempestivamente dove sta scoppiando l’incendio.

 

I-Tunnel è collegato a serbatoi di acqua e schiumogeni, che vengono utilizzati per domare le fiamme. Il dispositivo è equipaggiato con termocamere per l’individuazione delle zone a rischio e di eventuali persone nell’area in modo da calibrare l’intervento per non comprometterne la sicurezza.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!