• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Attualità

La ciberfisica diventa affidabile e per tutti Il progetto H2020 DEIS per salute, mobilità e domotica

Creare sistemi ciberfisici affidabili, è questa la sfida lanciata dal progetto DEIS, partito il 1° gennaio 2017, che si propone di sviluppare tecnologie microelettriche e software in grado di integrare molteplici soluzioni sensoristiche.

 


La ciberfisica diventa affidabile e per tutti Il progetto H2020 DEIS per salute, mobilità e domotica

Nella vita di tutti i giorni siamo circondati da computer che gestiscono il funzionamento di accessori, elettrodomestici, apparati di regolazione o comunicazione. Oggi questi dispositivi sono sempre più integrati tra loro in una rete che interagisce direttamente e dinamicamente con l’ambiente fisico, dando vita ai cosiddetti sistemi ciberfisici. I sistemi CPS (Cyber-Physical-Systems) hanno un notevole impatto in moltissimi ambiti, dalla mobilità, alla domotica alla salute, per questo la loro affidabilità è fondamentale.

Se non fossero affidabili, infatti, potrebbero arrecare danni alle persone e portare a blocchi temporanei di infrastrutture importanti, con ricadute anche gravi su industrie e società. Ma come assicurare questa affidabilità?

All’interno del progetto, i partner svilupperanno dei nuovi paradigmi, come ad esempio le Identità Digitali per l’Affidabilità (Digital Dependability Identities, DDIs), e ne valideranno l’utilità in casi pratici di impiego:

  • automotive con lo sviluppo di sistemi autonomi per il monitoraggio intelligente di parametri fisiologici e la progettazione e validazione di un simulatore di guida autonoma;

  • ferrovie con lo scambio affidabile di informazioni tra diversi componenti di sistemi eterogenei complessi, quali quello ferroviario;

  • salute con l’ampliamento delle funzionalità e dell’affidabilità di dispositivi medici portatili. I gruppi di ricerca del Politecnico di Milano svilupperanno, in particolare per il settore automotive, delle telecamere ultrasensibili in grado di monitorare in tempo reale i parametri fisiologici del guidatore e dei passeggeri di un veicolo (pulsazioni, variabilità cardiaca e ossigenazione del sangue) e algoritmi di visione e processamento delle immagini, per seguire i movimenti del guidatore ed estrarre i parametri fisiologici richiesti. In collaborazione con il Politecnico di Milano, poi, la società Ideas&Motion interfaccerà la videocamera con altri sensori integrati nel veicolo mediante protocolli affidabili e sicuri; General Motors validerà il sistema completo in un ambiente di emulazione avanzata delle reali condizioni di guida. “DEIS - Dependability Engineering Innovation for CyberPhysical Systems” (Innovazioni Ingegnerizzate per l’Affidabilità dei Sistemi Ciberfisici) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea, all’interno del programma Horizon 2020, iniziato a gennaio 2017 avrà durata triennale.

 

Il progetto è coordinato da AVL, leader mondiale nello sviluppo motopropulsori a combustione interna, ed è composto da dieci partner, di cui quattro aziende (Siemens, General Motors, Ideas & Motion, Portable Medical Technology), tre università (Politecnico di Milano, University of Hull, University of York) e due centri di ricerca (Fraunhofer-Gesellschaft, Dundalk Institute of Technology), distribuiti in varie nazioni europee (Italia, Austria, Germania, Regno Unito e Irlanda).  






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!