• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri
  • News » Antisismico

Rischio sismico, il sistema MEMS come strumento di controllo

L’accelerometro Micro Electro-Mechanical Systems utilizzato negli smartphone potrebbe essere impiegato per monitorare i terremoti

 


Rischio sismico, il sistema MEMS come strumento di controllo

15/10/2013. Un piccolo sensore usato in uno smartphone per l’orientamento dello schermo potrebbe contribuire alla creazione di una rete sismica urbana in tempo reale, facilitando la raccolta di dati in caso di forte terremoto.

 

Ad affermarlo lo studio “Suitability of Low-Cost Three-Axis MEMS Accelerometers in Strong-Motion Seismology: Tests on the LIS331DLH (iPhone) Accelerometer” dei ricercatori Antonino D’Alessandro e Giuseppe D’Anna dell’Ingv (Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia) pubblicato sulla rivista “Bulletin of the Seismological Society of America”.

 

L’accelerometro Mems (Micro-Electro-Mechanical System) misura il tasso di accelerazione della Terra e le vibrazioni delle automobili, degli edifici e delle installazioni.

 

In dettaglio, si tratta di sistemi “intelligenti” che abbinano funzioni elettroniche, di gestione dei fluidi, ottiche, biologiche, chimiche e meccaniche in uno spazio ridottissimo, integrando la tecnologia di sensori e attuatori e le più diverse funzioni di gestione dei processi.

 

La ricerca Ingv si è basata sul confronto tra un dispositivo MEMS e quelli di un accelerometro professionale comunemente utilizzato in campo sismologico per il monitoraggio di forti terremoti. Le prestazioni del nano-sensore hanno dimostrato come la tecnologia MEMS sia in grado di registrare fedelmente l’attività sismica di media e forte magnitudo.






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!