• Facebook
  • Twitter
  • Google+
Sei un professionista? - Ingegneri

Bonus arredi, video-guida dall’Agenzia delle Entrate

Dopo gli speciali su cedolare secca, modello F24 e visure catastali online, sul canale YouTube “Entrateinvideo” arriva la video-guida per orientarsi tra modalità e requisiti del Bonus arredi

 


Bonus arredi, video-guida dall’Agenzia delle Entrate

14/11/2013. L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una video-guida dedicata al tema del Bonus arredi attraverso la quale illustra come e quando poter richiedere la detrazione delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici da utilizzare per l’arredo di un immobile ristrutturato, secondo quanto previsto dal Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63, coordinato con la legge di conversione 3 agosto 2013, n. 90.

 

L’agevolazione, che va ripartita in 10 anni, è pari al 50% delle spese effettuate dal 6 giugno al 31 dicembre 2013 e va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro. Requisito principale per poter usufruire del bonus è l’effettuazione di interventi di ristrutturazione sulla singola abitazione o su parti comuni di edifici residenziali. Nel caso di lavori condominiali, la detrazione spetta per l’eventuale arredo delle parti comuni (ad esempio guardiole, lavatoi). Occorre, inoltre, che le spese siano sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013.

 

La detrazione riguarda le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici nuovi, di classe energetica non inferiore ad A+ o A per i forni. L’acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per gli stessi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo. Sono inoltre agevolabili le spese di montaggio e di trasporto.

 

I pagamenti possono essere effettuati non solo con bonifici bancari o postali ma anche con carta di credito o bancomat. In questo caso, la data di pagamento corrisponde al giorno di utilizzo della carta, che risulta nella ricevuta telematica di avvenuta transazione, e non al giorno di addebito sul conto corrente. Non sono ammessi assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. E’ importante inoltre conservare tutta la documentazione che attesta l’effettivo pagamento (ricevute dei bonifici, ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente) e le fatture di acquisto con indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.

 

La mini-guida è accessibile al link http://www.youtube.com/Entrateinvideo

 






Commenti (0)

Pagine: 0

Per commentare è necessario essere registrati.


Sei già registrato? Entra subito
Altrimenti registrati gratis!